Il sorriso
di Vincenzo Corsi

Grave il fardello

che su rugose labbra

ci costringe a sollevar le pieghe

di un volto stanco.

Raramente soave e leggera

la frivola smorfia.

Finta e ipocrita

la fissa recita di alcuni.

Inaspettato , luminoso e sottovalutato dono di un passante

A trafigger densa nebbia

In una mattinata grigia.

Grande risorsa sempre

per l’uomo ricco di povera semplicità

Il sorriso.

Vincenzo Corsi