Ho sognato

Ho sognato un girotondo di bambini
grande come una città,
con i visi colorati, spensierati
come i sogni di un’età,
forse erano felici chi lo sa,
si è felici quasi sempre a quell’età,
poi li ho visti spaventati, maltrattati
e fuggire via di là.

Ho sognato lunghe file di soldati
senza volto e umanità,
che marciavano convinti di un’idea
che sembrava libertà.

Ho sognato un re bambino troppo solo
tra le spade e i samurai,
e un padrone prigioniero dei suoi servi
che non si lamenta mai,
ma se questa fosse tutta verità
cosa resta di una favola chissà.

Ma c’è una giostra che va
e tanta gente più in là
ed una musica che ci fa sognar,
e c’è un aereo che va
e passa un treno di qua
con un amico che ci vuol salutar.

Ho sognato un sole pallido e malato
che non mi scaldava più.
Ho sognato che il tuo amore fosse vero
e non mi lasciassi più.

Valter De Luca